Un Momento, Sto Pensando!

“Mi figlio non vuole studiare”insjeme_persea
“Ha scuola le insegnanti mi dicono che non sta attento, sta sdraiato sul banchino, sembra proprio che la scuola non gli piaccia”
“Gianni ha un ritardo mentale ed ha l’insegnante si sostegno, avrebbe bisogno di migliorare le sue abilità”
“Mirko ha 6 anni ed ha difficoltà a gestire le sue emozioni”
“Michela ha 8 anni e la mattina prima di entrare a scuola vomita”

Queste sono alcune delle situazioni che si presentano ad uno psicologo dell’età evolutiva e dell’adolescenza. Problemi inerenti la gestione delle emozioni nei bambini, difficoltà nel mantenere l’attenzione, oppure bambini particolarmente vivaci. Bimbi ed adolescenti con difficoltà legate all’ansia da prestazione o ansia scolastica che presentano sintomi fisici come vomito o mal di testa prima di andare a scuola o prima di una gara sportiva.
Nei casi più gravi possiamo riscontrare patologie come ritardo mentale, disturbi del comportamento, disturbi della sfera emotiva e disturbi dello spettro autistico.
Un metodo usato per aumentare le capacità cognitive, di pensiero ed elaborazione delle informazioni e delle emozioni è il Metodo Feuerstein.
Il metodo prende il nome da Reuven Feuerstein, professore di psicologia e pedagogia in Israele e negli Stati Uniti e fondatore di un metodo per lo sviluppo del  potenziale di apprendimento dei bambini (il metodo Feuerstein).
Il Metodo Feuerstein ha l’obiettivo di sviluppare le potenzialità dell’individuo, ossia aumentarne le capacità di modificarsi di fronte al cambiamento. È un modo di concepire la mente e la persona. Il vantaggio del Metodo Feuerstein  è che non lavora direttamente sulla storia o la matematica, ma sui processi che sono necessari per imparare i contenuti specifici. Il Metodo si focalizza sul come si utilizza la mente; in questo modo, una volta che si è imparato a usare una strategia per risolvere un problema, questa può essere utilizzata in altri ambiti.
Si basa sulla fiducia nella capacità di miglioramento continuo dell’essere umano. Una delle sue frasi preferite è “Sta sicuro, c’è speranza!” e questa speranza è da coltivare e perseguire anche e soprattutto nelle situazioni più difficili.
Lo scopo di Feuerstein è stimolare le risorse che l’individuo ha dentro di sé.
L’aspetto maggiormente innovativo è il pensiero dell’intelligenza che viene concepita non come qualcosa di fermo, ma viene pensata come modificabile. Questo porta a una serie di conseguenze molto importanti sul come rapportarsi con il bambino: in questo senso, i problemi a scuola, ad esempio, non sono visti come “inevitabili” (“il ragazzo non è portato per la scuola o per la matematica; è svogliato; non ha un metodo di studio”), ma come qualcosa su cui si può lavorare, sono un segno del fatto che il bambino non sta utilizzando la sua mente nel modo migliore, non sta usando le strategie più efficaci per risolvere i problemi.
Le applicazioni del Metodo Feuerstein :
– in campo scolastico per sviluppare e accrescere nello studente la capacità di pensare, di ragionare e quindi di risolvere qualsiasi compito/problema con strategie efficaci e produttivo.
– in campo cognitivo per recuperare e potenziare le funzioni cognitive dell’individuo in presenza di qualsiasi problema dell’apprendimento (Disturbi specifici dell’Apprendimento, Disturbi dell’Attenzione e Iperattività, Disturbi del Comportamento, Ritardo Mentale)
– in campo terapeutico per interventi significativi riabilitativi in presenza di diverse patologie nell’adulto e nel bambino.
– in campo educativo per gestire/controllare il comportamento, le proprie emozioni, l’impulsività e per sviluppare la flessibilità mentale , permettendo all’individuo di adattarsi all’ambiente formulando valide strategie per affrontare qualsiasi difficoltà con successo.
Il metodo Feuerstein si struttura in:
Programma di Arricchimento Strumentale (P.A.S) Basic – Per le funzioni cognitive di base
Programma di Arricchimento strumentale (P.A.S) Standard – Programma di arricchimento strumentale
LPAD Valutazione dinamica delle abilità cognitive
Il metodo Feuerstein si compone di una serie di schede operative, svolte sempre sotto la guida di un operatore che fa da “ponte” tra il foglio e la realtà, facendo emergere i meccanismi sottostanti agli esercizi svolti. È possibile effettuare percorsi singoli e di gruppo per bambini dai 4 anni in poi.

* Psicologa dell’infanzia e dell’adolescenza, Applicatrice Metodo Feuerstein