Prendersi Cura del Materasso

Per ottenere il massimo delle prestazioni possibili è consigliabile periodicamente girare il materasso testa/piedi e sopra/sotto al cambio di stagione al fine di permettere un assestamento equilibrato.
casa_del_materasso_luccaIl materasso si deve appoggiare su reti o basi di buona qualità che non devono essere di dimensioni inferiori dello stesso materasso e devono permettere una buona traspirazione.
Nella pulizia del materasso è preferibile l’impiego di spazzole aspiranti a bassa potenza anzi che il battipanni.
É sconsigliato l’uso di elettrodomestici a vapore in quanto questi potrebbero provocare  una condizione di umidità che rischia di favorire la proliferazione di acari e muffe.
Generalmente, nel corso del periodo d’uso del materasso, compaiono alcuni segnali che indicano la necessità di provvedere alla sua sostituzione. Essi riguardano in particolare gli indolenzimenti e i dolori lombari al momento del risveglio, talvolta accompagnati dal formicolio degli arti e dalle estremità gonfie. Altri sintomi indicatori riguardano la sensazione di disagio, fiacchezza e rapido affaticamento con difficoltà di concentrazione. Per ragioni igieniche il materasso va cambiato al massimo dopo sette anni di uso. Infatti, ogni notte, il corpo emette un quarto di litro in sudore, tossine e umori corporali, che vanno a depositarsi nel materasso.
Notte dopo notte, anno dopo anno, tali depositi rappresentano un terreno ideale per la formazione degli acari della polvere.