La Ricetta Elettronica

Se ne parla da alcuni mesi e da poche settimane è comparsa anche in Toscana: un gruppo di medici di Empoli hanno iniziato a prescrivere i farmaci concessi dal Sistema Sanitario Nazionale (SSN) utilizzando la Ricetta Elettronica.
ricetta_elettronicaA breve anche altri medici inizieranno a prescrivere utilizzando la ricetta elettronica e si prevede che entro la fine del 2014 quasi tutti i Medici di Famiglia siano passati al nuovo sistema di prescrizione, almeno per i farmaci. In seguito anche la prescrizione di visite, analisi o indagini diagnostiche saranno fatte in formato elettronico
Cosa cambia per il paziente? Semplicemente invece che la ricetta rossa del SSN, si vedrà consegnare dal suo medico un foglio di carta bianco, detto “Promemoria”, che riporta tutte le indicazioni della ricetta rossa.
Il medico, oltre a stampare il promemoria, invia  la prescrizione in formato elettronico  ad un  “contenitore  unico nazionale”  ed ogni prescrizione viene identificata con un Numero di Ricetta Elettronica (NRE). Il paziente o un suo incaricato, si recherà come prima in farmacia con il promemoria per ritirare i farmaci e non ci sono differenze rispetto alle vecchie ricette. La farmacia, collegandosi via internet con il “contenitore nazionale” richiamerà la prescrizione indicata sul promemoria e consegnerà i farmaci richiesti.
In effetti le caratteristiche della Ricetta Elettronica si attiveranno completamente quando il sistema sarà a regime completo e il promemoria scomparirà per essere sostituito dal numero di Ricetta Elettronica (NRE) che abbinato al Codice Fiscale, permetterà a tutte le farmacie di richiamare la prescrizione .
A regime, il medico potrà inviare la ricetta richiesta direttamente  con un SMS sul cellulare o altro dispositivo simile o sulla posta elettronica del paziente e nel caso di cure per malattie croniche anche senza che il paziente si debba recare all’ambulatorio. Lo stesso che oggi si può fare per un biglietto aereo o del treno. La prescrizione sarà utilizzabile su tutto il territorio nazionale e non come ora che la ricetta SSN è valida solo nella propria regione. Ovviamente tutto il sistema della ricetta elettronica permette al sistema sanitario di prevedere e controllare in tempo reale la spesa farmaceutica con un sistema unico per tutto il territorio nazionale.
Le farmacie si sono preparate a questo cambiamento operativo ed hanno aggiornato i loro sistemi informatici per prendere in carico i promemoria; i farmacisti hanno sostenuto dei corsi per la gestione delle ricette elettroniche e cercheranno sicuramente di risolvere tutte le problematiche che inevitabilmente all’inizio di ogni novità si presentano.
Cerchiamo insieme, farmacisti, medici e pazienti di gestire questo cambiamento che porterà iniziali piccole difficoltà ma anche futuri vantaggi per tutti.