Consigli per Riposo e Sonno

Ogni giorno vibrazioni, posture, colpi contribuiscono ad accrescere lo stress della colonna vertebrale: essa è il punto di attacco di una serie di muscoli, tendini, legamenti e protegge il midollo spinale e i fasci di nervi; la sua naturale forma a doppia S costituisce il requisito per la posizione eretta dell’essere umano.casa_del_materasso_17
Le vertebre rigide sono collegate tra loro mediante dischi vertebrali che ne consentono la mobilità e che fungono da ammortizzatori naturali per attutire sollecitazioni e colpi.
Ciascuna sollecitazione può determinare una fuoriuscita di liquido dal disco vertebra le (ernia).
Esigenze biomeccaniche ed ergonomiche
Numerosi sono i fattori che contribuiscono alle sollecitazioni negative, della colonna vertebrale:
– un letto troppo duro ne compromette la curvatura naturale, un letto troppo morbido non la sostiene adeguatamente;
– nel sonno muscoli e legamenti cercano di compensare la curvatura della colonna, provocando però dolori ed irrigidimento del collo
– la compressione dei vasi sanguigni periferici arteriosi e venosi, unitamente a posizioni scorrette provocano ipossia, ovvero lo scarso afflusso di sangue;
da qui fastidiosi formicoli i o cramp i agli arti costringono a continui cambi di posizione, compromettendo l’intensità e la qualità del sonno
Esigenze climatiche ed igieniche
Diversi sono i nemici del sonno: da un lato il calore che genera inquietudine e movimenti continui; dall’altro l’igiene, perchè dopo circa 6-8 anni il materasso, se non ha le fodere lavabili, diviene solo un pagliericcio dannoso e sporco.
Ogni notte perdiamo fino a 500 grammi di liquidi e rifiuti corporei, che si depositano anche nella fodera e nelle imbottiture del materasso causando allergie, asma e riniti.
Altra nota dolente sono gli acari che si nutrono di cellule epiteliali.
Ciascuno di noi ogni anno perde circa 7 chili di cellule per effetto naturale processo di desquamazione della pelle. L’acaro , per riprodursi e moltiplicarsi, necessita di una temperatura di 25°C e di un tasso di umidità del 50-60%: proprio le condizioni naturali in cui un essere umano si trova quando dorme e, di conseguenza, il materasso diventa un luogo ideale per la loro proliferazione.
La soluzione? Fodere e imbottiture lavabili a 95°C, un vero toccasana per chi soffre
di allergie e per chi desidera riposare in un letto sano e pulito.