Autunno, con il bene che ti voglio…lascia stare il mio sonno…

Mister Autunno, quest’anno, stentava a partire, anch’esso fosse in piacere di prolungare i caldi estivi (non per tutti un piacere), ma poi è arrivato, e con lui si è fatto sentire il cambio di stagione.Casa del Materasso Lucca
Irritabilità, atarassia, stanchezza, umore altalenante… sì, è vero, c’è chi vive in un perenne cambio di stagione, ma per la maggioranza di noi sono sintomi che si acuiscono solo in questo periodo, soprattutto i disturbi del sonno.
E la qualità del nostro riposo allora ne risente, e anche parecchio. Ricordiamoci, infatti – ripeteva Schopenhauer – che per gli esseri viveri il sonno è come la ricarica per l’orologio ( o per il cellulare, se Schopenhauer fosse nato negli anni mila….)
Napoleone Bonaparte sosteneva che bastano «4 ore di sonno per gli uomini, 5 per le donne e 6 per gli idioti». Gli esperti, però, sostengono che dormire bene è importante per salvaguardare la propria salute.
Ognuno ha bisogno di dormire. E non esiste alcuna prova che certe persone riescano ad abituare il proprio organismo a farsi bastare il minimo sonno indispensabile.
Dormire senza interruzioni è meglio. Per quanto le ore di sonno necessarie all’organismo siano soggettive, in linea di massima esse variano con l’età: ai neonati servono dalle 18 alle 20 ore; ai bambini di uno o due anni 14; agli adolescenti 12; agli adulti 7-8. Per tutti, poi, è più riposante dormire 4 o 5 ore senza interruzioni, piuttosto che 7 svegliandosi di continuo.
Attenzione alla qualità. Quello che conta non è tanto la quantità di ore di sonno, ma la qualità del riposo. Ecco le 10 regole per trascorrere una buona notte di sonno:
1. andare a dormire e alzarsi sempre alla stessa ora (anche nel fine settimana e indipendentemente da quanto si è dormito);
2. se ci si sveglia prima del trillo della sveglia, alzarsi dal letto e iniziare la giornata;
3. andare a letto solo quando si ha sonno;
4. se non si riesce a prendere sonno, alzarsi dal letto e dedicarsi ad attività rilassanti, come leggere un libro o farsi un bagno caldo;
5. utilizzare il letto solo per dormire e non per guardare la tv;
6. rilassarsi prima di andare a dormire facendo un bagno caldo, (ma non una doccia, che ha effetto stimolante) o assumendo bevande a effetto rilassante (latte caldo, tisane o infusi come la camomilla);
7. se si ha fame prima di dormire, mangiare qualcosa di leggero che non appesantisca la digestione;
8. dormire in un letto comodo, in una camera protetta dai rumori, a una temperatura ambiente né troppo calda né troppo fredda (intorno ai 18 gradi circa);
9. mangiare a orari regolari;
10. svolgere attività fisica, soprattutto di pomeriggio.
Dormire bene, dunque, è fondamentale per l’umore e il benessere fisico. Ecco come scegliere il giusto materasso, alleato principale per un riposo rigenerante:
–      scegliere il materiale del materasso. Ne esistono di tre tipi: a molle (ha una struttura portante costituita da molle elastiche in acciaio che supportano bene le persone; perché sia buono deve possederne circa 130 al mq e avere un’altezza di almeno 20-21 cm); in lattice (è un materiale ecologico; essendo elastico offre un sostegno diverso a seconda della pressione che gli viene fatta, adattandosi alle varie zone del corpo; è isolante ed igienico.
Deve avere una densità di schiuma intorno ai 60-65 kg/mq e un’altezza di 18 cm); in poliuretano (può essere personalizzato a seconda della densità e della portanza desiderata; subisce trattamenti antistatici e antibatterici, risultando igienico e anallergico);
–      scegliere un materasso ergonomico, meglio se si adatta a seconda della pressione;
–      controllare che abbia un lato estivo e uno invernale;
–      per il letto matrimoniale scegliere due materassi singoli in modo da rispettare le esigenze di ognuno;
–      cambiarlo ogni 8-10 anni;
–      fare attenzione che sull’etichetta siano riportati il nome dell’azienda del produttore, il modello, le misure e la composizione del tessuto.
Sono piccoli consigli, ma determinanti e anche i cambi di stagione saranno meno fastidiosi.